La Corea del Sud cerca di migliorare le condizioni dei quartieri più poveri dopo Parasite

Il governo della Corea del Sud sta cercando di migliorare la vita nei seminterrati dei quartieri più poveri, che si vedono nel film Parasite. La famiglia Kim vive in una casa molto povera, dove spesso mancano i servizi fondamentali, con una problematica legata all’acqua che emerge durante il film, costringendo gli abitanti a spostarsi in un luogo pubblico per dormire la notte. Il film ha avuto molto successo, con la vittoria di quattro Oscar, la prima volta per un film straniero, che ha reso celebre Bong Joon-ho ma anche posto l’attenzione sulle condizioni precarie di alcuni quartieri del Paese.

Il governo starebbe al lavoro con una fondazione per aiutare le 1500 famiglie che vivono all’interno di sminterrati, con il 78% di loro che fa parte della fascia più povera della popolazione. Sono stati stanziati 3,2 milioni di Won, la valuta locale, che verranno utilizzati per sistemare i riscaldamenti, i pavimenti rovinati ed installari nuovi strumenti come i deumidificatori.

La domanda potrà essere fatta dalle famiglie che sono all’interno delle abitazioni evidenziati, e potranno accedere a questi fondi. Ci dovrebbero essere circa 400 mila abitazioni come quelle viste nel film.

Gianni Loppi

Giovane laureato al Dams, classe 1989, con passione per il mondo del cinema e delle serie televisive. Passato da copywriter per altri portali legati alla cultura ed allo spettacolo. Per contattarmi: gianni@mondodc.it - via Cavour 30 – Ferrara 44121 – tel. 3932232939